mailMenu
logo small
Stampa

La Lombardia espugna il Comunale

on . Postato in Stampa

Vittoria per la selezione lombarda all'Arge Alp di Bellinzona, quarto il Ticino. Primato ticinese U20 nella 4x100 metri e nell'asta con Ajla Del Ponte


agre alp

L'incontro Arge Alp di atletica disputato sabato e domenica al Comunale di Bellinzona e organizzato dalla Ftal in stretta collaborazione con il Dipartimento educazione cultura e sport, ha visto il trionfo della selezione lombarda. Lo squadrone italiano, con 269 punti, ha superato abbastanza agevolmente il Trentino (243) e l'Alto Adige, che ha ottenuto lo stesso punteggio del Ticino. La selezione ticinese, al via con quasi tutti i suoi migliori rappresentanti, si è però dovuta accontentare del quarto rango per via del minor numero di vittorie individuali ottenute. Da notare che, dopo anni, tutte dieci le squadre dell'Arge Alp hanno partecipato all'evento e, alle spalle del Ticino, troviamo dunque Baviera, Tirolo, San Gallo, Salisburgo, Voralberg e Grigioni.
La vittoria della Lombardia non è mai stata in dubbio nel corso delle 26 gare individuali, e le staffette conclusive hanno "solo" definito i posti d'onore. Proprio nella 4x100 è arrivato pure un record ticinese U20, quello fatto registrare da Sandra Pfahler, Ajla Del Ponte, Rachel Sak e Carlotta Ulmer (inoltre tutte ancora U18!), che correndo in 48''12 si sono inserite al terzo rango abbassando il precedente limite di sei centesimi. Pure la staffetta maschile con Stefano Croci, Lucio Romerio, Daniele Angelella e Aaron Dzinaku si è difesa bene, ottenendo il secondo rango in 41''76 e anche qui il primato non è lontano (41''28). Angelella e Romerio, con Elia Taminelli e Alex Lunghi hanno poi contribuito pure al secondo rango della 4x400 (3'18''20).
A livello individuale l'unica vittoria ticinese è giunta dalla pedana del lungo, grazie a Irene Pusterla con la misura 6.10 metri. Daniele Angelella ha portato altri punti alla squadra con il secondo rango sia sui 400 metri (48''58) sia sui 200 metri (21''87), dove pure Lucio Romerio si è ben distinto concludendo in 22''83. Altra bella prestazione quella offerta dalla giovane Ajla Del Ponte che, dopo aver assicurato punti preziosi nell'asta con tanto di primato personale e primato cantonale U20 (eguagliato) a 3.20 metri, la domenica è volata sui 200 metri in 25''18 (personale) al secondo rango, mentre Carlotta Ulmer ha chiuso sesta in 26''28.
Sui 100 metri ancora Irene Pusterla ha piazzato un bel 12''10 (secondo rango), mentre Stefano Croci ha chiuso buon quinto in 10''96. Altri podi sono arrivati dall'alto femminile, dove Giovanna Demo è salita nuovamente sopra 1.80 metri, chiudendo la prova al secondo ragno. Inaspettato e gradito il podio nel mezzofondo femminile, dove la giovane Antonella Lardi ha corso un ottimo 800 metri, andando a cogliere il personale (2'16''17) e il secondo rango. Sui 3mila ulteriore miglioramento per Jeannette Bragagnolo che con tenacia ha chiuso al terzo posto la prova con tanto di personale (10'09''64). L'ultimo podio ticinese è quello di Gregory Bianchi nel lungo, a cui sono bastati 6,98 metri per aggiudicarsi la seconda piazza. Allo scomodo quarto rango invece gli ostacolisti Alex Lunghi e Janina Kick sui 400 metri ostacoli.

Stampa

Alla ricerca dei Migliori talenti Svizzeri

on . Postato in Stampa

Doppio appuntamento per le finali del 1000m e del Swiss Athletics sprint

 Uster

Nel fine settimana tra Payerne ed Ibach si disputeranno le finali svizzere dei progetti giovanili

Il fine settimana sarà un girandola di appuntamenti importanti a livello nazionale a Uster si correranno i campionati svizzeri di Mezza maratona, a Basel si assegneranno i titoli a squadre nelle singole discipline. I Giovani vivranno invece le finali dei progetti dedicati alla corsa, il sabato a Payerne 300 mezzofondisti si sfideranno nel mille Gruyere, mentre domenica ad Ibach saranno 400 i giovani velocisti che animeranno la finale del Swiss Athletics Sprint meglio noto come il ragazzo più veloce della Svizzera.
Emma Piffaretti giovane sprinter della SFG Chiasso proverà a difendere il suo titolo tra le ragazze del 2002. Nella Svizzera centrale ci sarà anche il fratellino Remy. Il Ticino avrà altre coppie di fratelli come Gian e Mia Vetterli , Nadine e Simon Caldelari che si sfideranno sui 60 m come Christian Reboldi, Bernadette Gervasoni. Sugli 80 m correranno Aaron Tamburini, Thomas Bertini, Marika Buletti e Chiara Bandoni.
Il sabato a Payerne la sfida sarà sui 1000 m con i primi due dell'eliminatoria svoltasi sabato 8 maggio a Bellinzona, dove diversi atleti provenienti da oltralpe sfidarono i nostri atleti. Oltre al titolo a Payerne i primi quattro posti saranno preziosi in quanto regaleranno un biglietto per partecipare ad una gara nell'ambito del Weltklasse. Esperienza già vissuta nel 2013 da Alessandro Valentini, Ricky Petrucciani ed Ettore Poroli che quindi sapranno ancora esprimere al meglio il loro talento. Emma Lucchina lo scorso anno sfioro l'exploit e quest'anno con lei ci sarà Nora Ranzoni. Rachele Botti e Mia Vetterli sfideranno le due giovanissime campionesse svizzere Delia Sclabas (2000m) e Veronica Vancardo (600m) dominatrici delle prove di mezzofondo a Zug. Gli altri ticinesi al via Luiz Corti, Aline Bloch, Matteo Cartolano, Simone Tattarletti, Francesco Bertoli, Tessa Tedeschi, Gioele Turuani ,Sofia Orlando, Nicola Fumagalli, Daniele Romelli, Valerio Vedovatti, Leandro Kick,Mattia Fumagalli .
Ai campionati svizzeri di Team ci saranno le martelliste della Virtus Locarno guidate da Rebecca Baehni e i giovani Saltatori in lungo dell'ASSPO Riva San Vitale guidati da Luca Bernaschina.
A Bellinzona invece la FTAL ospiterà l'incontro tra le selezioni Arge Alp.

 

Stampa

A Locarno in palio i titoli sui 3mila e 10mila metri

on . Postato in Stampa

Mercoledì sera a Locarno il terzo gran prix Ticino con l'assegnazione dei titoli sui 3mila e sui 10mila metri

Locarno-Lido

Le malandate piste di Locarno tornano a ospitare un meeting di atletica leggera e lo faranno mercoledì sera in occasione del terzo gran prix Ticino organizzato dalla locale Virtus. Il programma prevede corse salti e lanci con, a fine serata, le prove sui 3mila femminili e sui 10mila metri maschili valevoli per l'assegnazione dei titoli cantonali assoluti e U20.
Nel 2012 lo scudetto sui 25 giri se lo aggiudicò Ivan Pongelli che sulla stessa pista locarnese corse la prova in a mo' di allenamento in 32'47''. Il primatista cantonale (30'13''61 nel 2003 a Lugano) difficilmente sarà al via, dato che in preparazione maratona sta attraversando un difficile periodo. A Locarno potrebbero dunque approfittarne gli outsider, come l'esperto Luca Foglia che, a 50 anni, si difende ancor bene in questo genere di prove e l'anno scorso si aggiudicò l'argento in 36'20''. Altri nomi del podismo cantonale potrebbero però scendere in pista e correre i 10 chilometri sul piede di 33-34 minuti.
In campo femminile la battaglia sembra possa essere più aperta e avvincente. Esclusa la presenza della campionessa uscente Manuela Maffongelli (maternità), le pretendenti alle medaglie saranno soprattutto la U20 Evelyne Dietschi della Sal Lugano (10'03''93 in stagione) e la più rodata Jeannette Bragagnolo del Sab Bellinzona (10'17''74). Potrebbero debuttare sulla distanza in questo 2013, e giocarsela con le due favorite, anche Rosalba Vassalli-Rossi del Gab, Stefania Barloggio-Lupatini della Vis Nova Agarone o Manuela Falconi di Biasca specialista delle podistiche. Stesso discorso valido anche per altre giovani, e quindi interessate in particolare per la lotta alle medaglie U20, come per esempio Antonella Lardi della Sam, Chiara Rezzonico della Sal, Agata Bulloni del Gad Dongio o Giulia Marzano del Gab, in stagione impegnate a più riprese sui 1'500 metri.
La serata propone anche le prove sugli 80 metri dedicate agli under 16 e i 400 metri piani. Completano il programma, per il quale le iscrizioni sono ancora possibili sul posto fino a un'ora prima dell'inizio delle singole gare, anche i concorsi del disco (dalle 18.00), del triplo (19.15) e del martello (19.25). Il finale come detto sarà tutto per le prove dei CT, con i 3mila femminili alle 19.40 e i 10mla alle 20, sempre allo stadio del Lido di Locarno.

Stampa

L’Arge Alp torna in Ticino

on . Postato in Stampa

Selezione Ticino ambiziosa per l'annuale incontro Arge Alp che si disputerà al Comunale di Bellinzona


Comunale Bellinzona

L'Arge Alp atletica torna in Ticino. Dopo l'edizione di Lugano nel 2005 sabato e domenica prossimo a Bellinzona le dieci rappresentative dell'arco alpino torneranno a sfidarsi sulle piste e pedane ticinese. Grazie alla stretta collaborazione tra il Dipartimento educazione cultura e sport e la Federazione ticinese di atletica leggera, l'evento si prospetta molto interessante, sia per la presenza di tutte le selezioni sia per la caratura degli atleti in gara.
Fondata il 12 ottobre 1972 in Tirolo (a Mösern), la Comunità di Lavoro Regioni Alpine ha nelle campane della pace il suo simbolo (vedi immagine). La "Friedensglocke" si erge oggi maestosa sulla collina più occidentale di Mösern, inaugurata in occasione del 25° anniversario dell'Arge Alp. La campana, con i suoi 2,51 metri d'altezza è un diametro di 2,54 metri, è la più grande del Tirolo ed è simbolo di solidarietà e di buon rapporto di vicinato nell'arco alpino. Sono oltre 10 tonnellate di bronzo fuso che tutti i giorni alle 17.00 suonano nella valle Oberinntal.
A Bellinzona non saranno le campane della pace a suonare, ma il Comunale si animerà con la disputa di 26 gare e concorsi individuali, a cui si aggiungono le sempre appassionanti staffette 4x400 e 4x100 metri. La selezioni Ticino sarà al via con giustificate ambizioni, frutto di una consolidata tradizione e del fattore campo. Il presidente della commissione tecnica Francesco Bernasconi ha cercato di selezionare il migliore atleta per disciplina per formare la squadra che cercherà di raccogliere punti preziosi per la classifica finale. Ricordiamo per la graduatoria verrà conteggiato, in base alla posizione ottenuta, il miglior elemento di ogni rappresentativa in ognuna delle discipline del programma.
Tra i favoriti della manifestazione sicuramente la sempre forte Lombardia (assente nel 2012), il Trentino e la Baviera (Bayern) che precedettero il Ticino lo scorso anno. Le altre selezioni sono Alto Adige per l'Italia, Voralberg, Tirolo, Salisburgo, Grigioni e San Gallo.
La selezione ticinese. 100m: Stefano Croci, Irene Pusterla, Rachel Sak, 200m: Daniele Angelella, Lucio Romerio, Carlotta Ulmer, 400m: Daniele Angelella, Elia Taminelli, Giulia Malacrida, 800m: Roberto Simone, Antonella Lardi, 5000m: Marco Maffongelli, 3000m: Jannette Bragagnolo, 110h: Alberto Brunelli, 100h: Janina Kick, 400h: Alex Lunghi, Janina Kick, Peso: Simone Gilà, Aaron Dzinaku, Martina Mariotti, Cecilia Parravacini, Giavellotto: Stefano Rossetti, Nadine Monterosso, Disco: Reto Invernizzi, Simone Gilà, Disco: Rebecca Bähni, Nadine Monterosso, Lungo: Andrea Chinotti, Gregory Bianchi, Irene Pusterla, Alto: Martino Kick, Giovanna Demo, Asta: Michele Müller, Enea Engelhardt, Ajla Del Ponte, 4x100m: Stefano Croci, Daniele Angelella, Lucio Romerio, Aaron Dzinaku, Ajla Del Ponte, Carlotta Ulmer, Rachel Sak, Sandra Pfahler, 4x400m: Daniele Angelella, Alex Lunghi, Elia Taminelli, Lucio Romerio, Giulia Malacrida, Rachele D'Ottavio, Janina Kick, Alice Tognetti.

Stampa

Una bella festa per i master a Bellinzona

on . Postato in Stampa

Buona riuscita per il meeting internazionale master di Bellinzona


Comunale Bellinzona

Tante discipline, tanta gente e un clima sportivo gioioso sono stati il giusto corollario per il 14° meeting internazionale master della città di Bellinzona, organizzato in modo impeccabile dalla locale Sab. Alla giornata atletica hanno presenziato sportivi tra i trenta e gli ottant’anni, provenienti dalla vicina Italia, dalla Germania, dal Belgio e soprattutto d’Oltralpe, dato che quest’anno il consueto meeting era pure valido per l’assegnazione dei titoli master. Pochi purtroppo i ticinesi, che si sono comunque difesi egregiamente cogliendo diverse medaglie d’oro e molte soddisfazioni personali.
Sugli ostacoli abbiamo rivisto in pista Monica Pellegrinelli del Gab, prima sugli 80 W45 con 12’’09, mentre Alberto Brunelli (pure Gab) ha colto il secondo rango tra gli M40 sui 110 in 16’’09, dopo aver corso anche i 100 metri in 12’’17.
Bella e affollata la prova dei 5mila metri, con un buon drappello ticinese agli avamposti e su tutti Davide Gambonini (Gab), secondo in 17’30’’88. Alle sue spalle netto miglioramento per Jeannette Bragagnolo del Sab che in 17’39’’04 ha preceduto Manuela Falconi (Sfg Biasca) in 17’55’’93. Patrizia Pagnoncelli (Sab) si è imposta tra le donne 45 in 20’30’’, mentre Maria Soldini (Usc Capriaschese) tra le W60 in 23’09’’.
Belli anche gli ottocento metri, animati da un giovane terzetto ticinese che ha concluso racchiuso in pochi secondi: la neo master (W30) Stefania Barloggio-Lupatini (Vis Nova) si è imposta in 2’24’’02, davanti a Loredana Rossi-Nocelli (Sab) e Rosalba Rossi-Vassali (Gab) appaiate in 2’24’’43. Sui 1'500 metri Elia Stampanoni (Usc) si è arreso solamente all’italiano Affabile concludendo in 4’23’’20, mentre non è sfuggita la vittoria a André Englehardt dell’Usa Ascona nell’asta (2,80 m) e nell’alto (1.49) tra gli M50.
Nei lanci si è distinto Mauro Stucchi del Sab con un terzo e un quarto rango nel disco (33.46) e nel peso (10.61) tra gli M35. Sul giro di pista si sono difesi ancora una volta egregiamente sia Paolo Greifenberger dell’Asspo in 61’’35, sia Marialuisa Quirici del Gab in 67’’37.
A inizio giornata una ventina di marciatori si erano già lanciati sulla pista per i 5mila metri, dove il luganese Paolo Ghirlanda (Sal), si è inserito in terza posizione alle spalle di due italiani in 26’08’’21. Quinto assoluto Roby Ponzio (M65) del Gab in 27’12’’
Una citazione infine per Ernesto Minopoli di Novara che, alla bella età di 80 anni, ha corso gli 80 metri ostacoli (altezza di 68.6 centimetri) in 18’’31. Tutti i risultati su www.ftal.ch, mentre in Germania, in occasione dei Campionati europei militari, Adriano Engelhardt ha corso i 5mila metri in 14’20’’85 ottenendo il quarto rango. Considerando lo sviluppo tattico della corsa, ulteriori miglioramenti sono sicuramente alla portata dell’asconese.