mailMenu
logo small
Stampa

Grand Prix FTAL 1 - 2017

Prove generali di grande atletica

- Calda serata al Comunale di Bellinzona con il Grand Prix FTAL che ha premiato l'italiano Fofana per la miglior prestazione di serata davanti a Ceriani, Angelella e Petrucciani che ha stabilito la miglior prestazione svizzera U18 -

asat- Ancora caldi dagli assoluti di sabato e domenica a Cornaredo, gli atleti ticinesi sono tornati protagonisti giovedì sera al Comunale per il primo Grand Prix FTAL della stagione. Rinato dalle ceneri, l'evento ha attirato in pista e in pedana quasi tutte le società ticinesi, ma anche molti atleti dalla vicina Italia o d'Oltralpe per una serata di corse, lanci e salti, con oltre 130 partecipanti in 16 gare.


Disturbata da un forte temporale a metà serata, il Grand Prix è proseguito all'asciutto con il grande tempo dell'italiano Hassane Fofana che, forte del suo 12° ranking europeo e del suo personale di 13''52, è volato sui 110 ostacoli in 13''87, stabilendo così la miglior prestazione della serata e incassando il premio di 500.-. Il suo tempo vale infatti 1095 punti secondo le tabelle di swiss athletics, contro i 1'040 del vincitore dei 400 piani Niolò Ceriani, impostosi in una gara entusiasmante. Spettacolo garantito dal duello tra Ricky Petrucciani e Daniele Angelella della Virtus, due elementi di spicco anche a livello di nazionale svizzera. I due sono di fatto stati protagonisti del 400 m con l'italiano Ceriani e solo negli ultimi metri si sono delineate le posizioni: primo Ceriani in 47''88, davanti a Angelella in 47''97, che ha rintuzzato il rientro di Petrucciani, terzo in 47''98. I tre con questi tempi si sono assicurati la 2°, 3° e 4° prestazione di serata e Petrucciani pure la miglior prestazione svizzera U18, migliorando il suo 48''05 dello scorso giugno. Quarto Simone Tattarletti dell'USC in 51''49, mentre nella seconda serie vittoria in 52''55 per Nicola Lo Russo del GAB. Al femminile conferma per Sabrina Innocenti del GAB in 57''84, ossia soli sei centesimi in più del proprio personale.
Qualità eccelsa anche nella pedana del lungo grazie soprattutto al sestuplice Campione ticinese Luca Bernaschina dell'ASSPO che per l'occasione ha concentrato tutte le energie in una delle sue discipline preferite vincendo il concorso con la bella misura di 7.18 m (personale di 7.35 m). A fine serata le finali dei 100 metri hanno offerto le ultime scintille della bella riunione atletica. Tra le donne vittoria italiana con Giulia Riva prima in 12''16 davanti alle momò Gea Bernasconi dell'ASSPO in 12''61 (12''57 in qualificazione) e Chiara Bandoni dell'ATM in 12''72. Vittoria straniera anche tra gli uomini con Alessandro Brivio di Bergamo in 10''81 (quinta prestazione di serata) davanti a Stefano Croci e Pedro Rafael Peixoto dell'Atletica Mendrisiotto appaiati in 11''38 e a Mirko Berri della Virtus in 11''43.
Nei 1'500 metri donne, gara sul piede dei 5' con l'esordio della giovane U18 triatleta Rachele Botti (USC), seconda in 5'05''34 alle spalle della confederata Leibundgut di Alpnach e pochi centesimi davanti alla veterana Jeanette Bragagnolo (GAB). Tra gli uomini buon allenamento per Roberto Simone del GAB che senza avversari ha svolto un ultimo giro in 61'' per chiudere in 4'09''91 e trascinando il collega di club Dave Derigo non lontano dal personale in 4'14''34 .
Nel peso femminile doppietta USC: Céline Vicari con 10.41 m ha preceduto Giada Battaini di 10 centimetri. Le due si sono poi invertite le posizioni nel giavellotto con 31.89 e 31.78 metri. Nel peso uomini Mauro Stucchi del SAB ha vinto con 10.06 m, mentre nel lungo 5.34 m per Giulia Malacrida dell'ASSPO. Nell'asta l'U20 Riccardo Dal Pont dell'USA Ascona è salito fino ai 4 metri stabilendo il personale, mentre nel giavellotto maschile miglior lancio per Stefano Rossetti della SFG Biasca (49.70 metri) e terzo Franz Bernasconi dell'ASSPO (44.06 m). Eleonora De Putti ha vinto i 100 ostacoli in 15''56 sotto l'acquazzone. Risultati e prossimi appuntamenti su www.ftal.ch
Elia Stampanoni