mailMenu
logo small
Stampa

CT Giovanili 2016 a Biasca - Risultati

TITOLO E LIMITE EUROPEO PER SIMONE GABUTTI

- Tris di titoli per Ettore Poroli, Doppietta per Enea Ratti, Gea Bernasconi e Nina Altoni -

LEST - Il comunale di Bellinzona si è infiammato proprio all'ultima gara dei campionati ticinesi giovanili di atletica leggera quando nella finale dei 100 m Simone Gabutti ha vinto ottenendo nel contempo il limite per i campionati europei U18 di Tbilisi. La giornata piovosa non ha certo facilitato il compito dei 200 ragazze e ragazzi che hanno lottato per aggiudicarsi i 34 titoli in palio. SFG Biasca e GA Dongio hanno ben lavorato per la buona riuscita della manifestazione.

Simone Gabutti già in eliminatoria vinta in scioltezza in 11"57 aveva destato grande impressione. In finale è volato via staccando gli avversari per firmare l'eccellente 11"10 che lo pone al secondo posto al quarto posto delle liste nazionali. Alle sue spalle Simone Tattarletti 11"71 e Filippo Moggi 11"96. In mattinata Moggi ha centrato un ottimo 50"44 che vale l'oro sui 400m davanti ad Hagos Tecklemichael 53"33. Ricca di agonismo la gara del salto in lungo vinta da Patrick Kirchlechner con 5.87 m davanti a Gabutti 5.83. Tattarletti 5.75 al comando dal primo salto si è costantemente migliorato, prima di vedersi superato all'ultimo turno dai due rivali. Tattarletti si è poi preso il titolo nell'Asta con 3.40m davanti a Matteo Dozio 3.30m. Dozio che sui 110 m ostacoli si prende il titolo in 16"09 davanti ad Alessio Nembrini 16"61.

Enea Ratti ha vinto due titoli. Nei 1500 in 4'20"17 ha piegato un tenace Angelo Melera 4'26"97 nel giro finale bronzo per Mattia Fumagalli. Il giovane bleniese ha poi vinto il giavellotto con 45.81. Nella pedana dei lanci brilla la GAD Dongio con il titolo nel peso per Gabrio Marioni 11.39 m davanti al rivense Stefano Morandini. Posizioni invertite nel disco dove il vincitore lancia 32.45. Vola a 1.79 m il debuttante Riccardo Durini che piega Gabrio Marioni.

Tra gli U16 maschili Ettore Poroli si concede la tripletta in scioltezza. Nel salto in lungo attera a 5.64. Per il podio sono in 4 in 15 cm: sorridono Thomas Camenzind 5.43 m e Misaki Dalessi 5.39 m. Nell'alto Poroli vince con 1.65 davanti a Nathan Soldati 1.50m. In 4 a 1.45 ma le medaglie sono al collo di Ivan Maroni e Gioele Turuani. Nel Giavellotto vince con 43.94m. Il disco va a Emil Rossi 25.56 m ed il Peso ad Erik Silva Salmeron 10.37 davanti a Dalessi 9.68.

Dalessi vince il terzo argento in 9"69 sugli 80 inchinandosi a Julian Rüfenacht che in 9"55 si piazza al terzo posto delle liste svizzere. Bronzo per Simon Calderari. Grande sorpresa sui 600 m Francesco Zanella in 1'31"44 ha vinto la prima batteria piegando Daniele Romelli 1'32"12 e Leandro Broccucci 1'33"14. La gioia dura 1'30"78 l'ottimo tempo ottenuto con un cavalcata solitaria da Nicola Lo Russo in seconda batteria. Sugli 80 m ostacoli vola Alessio Guidon in 14"85 davanti a Christian Reboldi 15"60 secondo bronzo per Maroni al fotofinish.

Tra le ragazze U16 molte gare con alta partecipazione e risultati emozionanti. Emma Piffaretti vola in 10"18 sugli 80 m con la terza miglior prestazione svizzera dell'anno davanti alla compagna di squadra Nadine Calderari 10"38, terza Rachele Pasteris 10"43. Nella sfida al vertice nel salto in lungo Nina Altoni vola a 5.33 m mentre la Piffaretti atterra a 4.93. Calderari con 4.77 salva la medaglia dalla giovane Renée Facchinetti 4.76. Altoni protagonista nel peso con 11.29 m davanti a Giada Battaini 10.37 e Gillian Ferrari 9.16. Nel giavellotto da 400g Vera Tattarletti batte ancora la coppia Battaini 30.58 e Ferrari 28.07. Giada Battaini festeggia il titolo sugli 80m ostacoli in 13"19 davanti a Zoe Ranzoni 13"82 e Ravna Berner 14"07. Ranzoni vince uno splendido 600 m in 1'40"47 battendo d'un soffio Tessa Tedeschi 1'40"89 terza Mara Moser 1'42"93. Nell'alto vince Linda Arnaboldi 1.43 di misura su Jasmine De Bortoli e Ulla Rossi e Larissa Addor ferme a 1.40. Addor che vince con 30.53 il disco.

Tra le U18 la protagonista è Gea Bernasconi che si assicura la doppietta 100 m e salto in lungo. Nello sprint in 13"04 regola Isabella Dal Bò 13"31 e Alexandra Pons 13.44. In pedana attera a 4.74 m davanti ad Anais Bähler 4.57 e Pons con 4.40. Intensa la gara del peso Nadia Bachir 10.92 si prende l'oro davanti a Sara Tonazzi 10.52 e Sabina Rebai 10.39. Tonazzi vince il disco con 31.10 su Rebai 27.19 e Martina Strano 26.73. Rebai vince invece con 31'17 il giavellotto per le medaglie Lisa Pagani 28.85 e Melanie Venzi 28.81. Facile la vittoria per Cecilia Galli Conforto sugli 800 2'26"50 su Chiara Ghielmetti e Nell'alto per Slivia Biacchi 1.45. Sabato a Bern Mia Vetterli ha corso un ottimo 45.96 sui 300m ostacoli.

L'US Ascona si aggiudica ben 6 titoli e 20 medaglie ma spiccano i 4 titoli per GA Dongio e 3 alla SFG Airolo per un totale di 19 medaglie che finiscono nell'alto Ticino dove l'atletica trova terreno fertile come in altre due piccole realtà US Capriaschese e ASSPO Riva San Vitale con altri 4 titoli. L'atletica cantonale torna nell'intenso fine settimana dell'11-12 giugno dove ci saranno sabato la finale del ragazzo più veloce del Ticino abbinata al meeting di Chiasso e domenica la finale della UBS Kids Cup al comunale di Bellinzona. L'appuntamento con la grande atletica invece è per lunedì 6 giugno al Galà dei Castelli.

Leonida Stampanoni