mailMenu
logo small
Stampa

Giovanna Demo e Daniele Angelella lanciano la stagione

Giovanna Demo e Daniele Angelella lanciano la stagione

Ottime prestazioni al meeting primaverile della Sam Massagno, brillano Angelella e la Demo, ma anche la giovane De Putti tra le U16
Cornaredo Lugano

asat – Si è svolto sabato a Cornaredo il meeting atletico proposto dalla Sam Massagno con il sostegno della Sal Lugano. Dalla pedana dell’alto è emerso il balzo di Giovanna Demo che, salendo o fino a 1.83 metri, ha avvicinato il personale di 1.85 metri, destando ottime impressioni all’esordio stagionale. Ma la misura vale soprattutto la qualifica per le Universiadi che si svolgeranno a inizio luglio in Russia (a Kasan) e dove la fresca campionessa svizzera indoor in forza al Gab Bellinzona, studente all’Usi di Lugano, parteciperà per la prima volta.

Il debutto dell’anno l’ha preparato al meglio anche Daniele Angelella, specialista dei 400 metri piani. L’esponente della Virtus Locarno, pure lui reduce dall’oro conquistato al coperto a Macolin in febbraio, ha corso il giro di pista nell’ottimo crono di 47’’99, avvicinando il suo personale e anche il primato ticinese di Luca Romerio del 1988 di 47’’71.
 
Altra ticinese di carattere internazionale presente a Lugano era Irene Pusterla della Vigor Ligornetto che, dopo essersi piazzata in 12’’24 alle spalle dell’italiana Cattaneo sui 100 metri, ha fatto suo il concorso del lungo con un unico salto d’entrata a 6.14 metri. Sempre sulla velocità si sono distinte ancora una volta le giovani Carlotta Ulmer (Frecce Gialle Malcantone) in 12’’55 e Claudia Mattiello della Sal che ha corso i 100 metri in 12’’76, per poi aggiudicarsi i 200 in 26’’09. Sandra Pfahler dell’Asspo Riva San Vitale ha vinto la seconda serie in 26’’37 davanti a Roberta Mazzotta (Sal) e alla U16 Eleonora De Putti (Sam), poi brillante pure nella sua categoria.
 
Sul giro di pista Alice Tognetti (Sfg Chiasso) è riuscita a rimanere al di sotto della soglia del minuto, chiudendo lo sforzo in 59’’84 e precedendo la compagna di club Rachele D’Ottavio,
Ottime cose sono giunte pure nel mezzofondo, con Evelyne Dietschi della Sal a imporsi sui 1'500 metri in 4’43’’13, davanti ad Antonella Lardi della Sam.
Sugli ostacoli dietro all’imprendibile Cattaneo, rientro per Lara Kronauer del Gab in 15’’35 sui 100 metri, mentre Prisca Pfammatter a corso in 67’’70 i 400 ostacoli.
Nei 100 metri maschili Stefano Croce dell’Atletica Mendrisiotto ha confermato il buon inizio di stagione, fermando i cronometri a 11 secondi netti, secondo alle spalle dell’azzurro Federico Cattaneo. Bene anche il giovane lunghista Luca Bernaschina dell’Asspo e Aaron Dzinaku (Atm), entrambi in 11’’59. Sui 200 metri ancora Stefano Croci a coglier il miglior risultato ticinese, vincendo la seconda serie in 22’’51. Sui 400 metri, detto di Angelella, bravo il giovane Luca Calderara, classe 1995 dell’Atm in 51’’46’’ e Elia Taminelli della Virtus nella seconda serie (51’’42). Sui 1'500 metri vittoria italiana in 4’12’’, seguono Marco Engeler (Sal) e Gabriele Cresta (Sam) ambedue sotto la barriera dei 4’30’’.
 
Nelle categoria giovanili, tra le U20 vittorie per Céline Vicari nel giavellotto, Céline Foresti (alto), Cecilia Parravicini (peso), tra le U18 per Ajla Del Ponte (lungo e 100 h), Delia Frison (peso e 300 h), Flavie Roncoroni (alto), Nina Nagel (giavellotto). Tra gli U20 vittorie invece per Michele Müller (110 h), Leocard Garbani Nerini (alto con 1,95 metri), Andrea Chinotti (lungo), Stefano Rossetti (giavellotto), tra gli U18 per Mattia Tajana (110 h e 300 h), Martino Kick (alto), Michael Bandjak (lungo), Mattias Ferracin (peso).
Tra gli U16 tripletta per Eleonora De Putti (lungo con 5.16 metri, 80 m e 80 h), vittorie per Emma Lucchina (600 m), Estelle Gerber (alto), Sabina Rebai (peso e giavellotto), Aaron Tamburini (80 m), Simone Tattarletti (600 m), Enea Balestra (100 h), Thomas Bertini (lungo), Emanuele Rizzi (peso) e Nicola Luisoni (giavellotto).
 
Classifiche complete sul sito www.ftal.ch, prossimo appuntamento mercoledì sera a Bellinzona con il mille Gruyère giovanile.