mailMenu
logo small
Stampa

Quattrini nuovo Presidente FTAL

Venerdi sera la 46ª Assemblea dei delegati della Federazione ticinese di atletica leggera, organizzata dall'AS Monteceneri al centro Diurno di Rivera, ha eletto all'unanimità Francesco Quattrini quale presidente della Federazione in sostituzione del dimissionario Patrick Tonascia, che ha diretto con passione la federazione per due anni.

Il Neopresidente padre di tre figli si è distinto quale atleti dell'US Ascona dal 1986 al 1992 dove ottenendo tra gli altri due titoli nazionali a livello giovanile sugli 800 m e guadagnando la selezione nei quadri nazionali. Si distinse anche nel disco vincendo diversi titoli cantonali, illustrandosi come atleta polivalente .
Francesco Quattrini ha ottenuto una licenza in scienze sociali e politiche all'università di Losanna. A livello professionale, dopo aver amministrato un Albergo nel Locarnese, ha intrapreso la carriera diplomatica presso il dipartimento federale degli affari esteri. Attualmente ricopre la funzione di Delegato cantonanle dei rapporti transfrontalieri e internazionali
Rinnovata pure la commissione tecnica con l'entrata di Jeannette Bragagnolo, Cosetta Grotti De Putti, Mauro Di DomenicoSebastiano Mazzola in sostituzione di Annalisa Hermann, Nicola Riva e Fabrizio Wuetrich. FTAL ringrazia tutti i dimissionari per la grande mole di lavoro svolta e si congratula con i nuovi eletti augurando loro un mandato ricco di soddisfazioni.
Momento di grande commozione durante l'assemblea con la premiazione di alcuni dei personaggi storici dell'atletica Ticinese. Grandi allenatori e dirigenti che hanno dedicato oltre mezzo secolo di vità all'atletica e che hanno potuto essere giustamente onorati per il grande servizio reso alla comunità sportiva ticinese. Ricordiamo Ivo Pisoni, Giancarlo Rodesimo, Beat Ernst, Fiorenzo Marchesi, Antonio D'Incecco, Siro Dazio, Mauro Gantner, Angelo Corengia, Giancarlo Demicheli, Giuliano Nessi. Onorati anche Bea Lundmark al termine della sua carriera di atleta e lo starter nazionale Rino Poma.

Leonida Stampanoni