mailMenu
logo small
Stampa

Luca Bernaschina: Decathlon da record

Luca Bernaschina, qualifica mondiale e primato ticinese

 

L'esponente dell'Asspo Riva San vitale ha centrato la qualifica per i Mondiali U20 di Eugene

asat – Il fine settimana di San Pietro e Paolo ha portato bene a Luca Bernaschina, il polivalente atleta nato e cresciuto nelle fila della società dell'Asspo Riva San Vitale era impegnato in Francia per un secondo tentativo di qualifica ai Mondiali di categoria (U20), in programma negli Stati Uniti dal 22 al 27 luglio.


Con una prova maiuscola e a pochi giorni dall'ottenimento della maturità liceale, lo studente ha centrato l'obiettivo.
Nel corso dei campionati di Francia, Luca ha corso i 100 metri in 11''23, piazzato un 7.18 metri nel lungo, 14.08 nel peso, 1.93 nell'alto e terminato la prima giornata con un 400 metri corso sul piede dei 51''44. Il "pupillo" di Cristina Pezzati, Claudio Piffaretti e mamma Paola Oberti, che per centrare l'impresa è stato supportato in modo decisivo anche dagli allenatori del Cat (Centro atletica Ticino) e in particolare da Ivo Pisoni per il salto con l'asta, ha offerto una seconda giornata di altrettanto livello: 15''15 sui 110 ostacoli, 35.47 metri con il disco, 4 metri nell'asta, 50.54 metri nel giavellotto per finire con un 4'46''95 sui 1'500 metri finali, la discplipina di certo meno affine alle peculiarità del possente atleta momò. I 7'144 punti racimolati nelle dieci prove (limite richiesto dalla federazione svizzera Swiss Athletics 7'090 i punti), sono dunque stati la conferma del potenziale già espresso a inizio stagione, con il quale Bernaschina aveva già centrato una volta la soglia richiesta in maggio a Landquart (7'208 punti, viziati però da vento eccessivo). La prestazione va anche ha demolire il precedente primato cantonale di categoria, superando di quasi mille punti il precedente 6'156 ottenuto da Mattia Arigoni, quasi quindici anni fa.
Meno fortunata è stata Ajla Del Ponte dell'Usa Ascona sulle piste di Raperswil-Jona. Nell'ambito del prestigioso Oberseemeeting (Swiss meeting), pur centrando due primati personali sui 100 e 200 metri, la velocista dell'Usa Ascona ha mancato la qualifica per la medesima massima rassegna mondiale (Eugene) per un solo piccolo centesimo di secondo. Ajla ha corso i 100 metri in 11''91 (limite richiesto 11''90) e i 200 metri in 24''60 (limite richiesto 24''50). Il periodo di qualifica si concluderà il prossimo 6 luglio.
Nello stesso meeting da segnalare pure il primato personale di Lucio Romerio (Sfg Biasca) sui 400 metri in 50''33 e la presenza di Adriano Engelhardt (Usa Ascona) sui 1'500 metri, chiusi all'ottavo rango in 3'55''75.
Il lungo fine settimana atletico era iniziato già venerdì sera a Uster dove Nicola Spirig e Tadesse Abraham avevano centrato il titolo nazionale sui 10mila metri. Per entrambi si è trattato di un'importante tappa di avvicinamento alla maratona europea di Zurigo, dove difenderanno i colori svizzeri (Tadesse Abraham ha ricevuto la cittadinanza pochi giorni prima e questo è dunque il suo il primo titolo). I due hanno vinto con agio in 34'01''32, rispettivamente in 29'05''62, e sui 25 giri si è ben distinto anche l'eritreo di casa in Ticino, Eshak Abraham del Gab Bellinzona che in 30'04''60 ha colto la terza posizione e il primato personale.