mailMenu
logo small
Stampa

Grandi nomi e ottimi risultati al 17° GP del Mendrisiotto

Grandi nomi e ottimi risultati al 17° GP del Mendrisiotto

Anche questanno il meeting datletica leggera qualitativamente e quantitativamente migliore in Ticino

 

Jana Veldakova
MM - Il 17° Gran Premio del Mendrisiotto si è riconfermato anche quest’anno il meeting d’atletica leggera qualitativamente e quantitativamente migliore in Ticino, ben organizzato dalla VIGOR Ligornetto e grazie al sostegno delle RAIFFEISEN del Mendrisiotto, della Nuova tre Antenne e di Chicco D’Oro. Con oltre 450 atleti partenti, moltissimi arrivati da oltre confine e numerosi pure dalla Svizzera interna, la serata ha riservato molti momenti con risultati dall’altissimo contenuto tecnico.
A cominciare dal salto in lungo femminile, disciplina sostenuta dall’AIL, dove in pedana si sono sfidate la beniamina di casa Irene Pusterla e la slovacca Jana Veldakova, entrambe alla loro prima gara dopo l’esperienza olimpica. Irene Pusterla ha trovato la sua miglior prestazione, 6.48m, già al primo salto, mentre la Veldakova è stata capace di un buon 6.30m all’ultima prova.
 
Per Irene si è trattato di una promettente prova in vista del Weltklasse di Zurigo dove gareggerà giovedì sera.
Dalla medesima pedana ma nel salto triplo le italiane Elena Salvetti e Cecilia Pacchetti sono state capaci di balzare rispettivamente a 12.53m e 12.50, con Giorgia Tiraboschi (SFG Chiasso) prima ticinese con 10.39m. Molto interessanti poi sono state le gare di velocità: Micol Cattaneo si è aggiudicata i 100m in 11”80 davanti a Manuela Gentili (11”91) e a Cecilia Raffaldi (12”32), queste due atlete si sono poi date filo da torcere anche sui 200m dove la nazionale italiana Gentili si è aggiudicata la vittoria con l’ottimo riscontro cronometrico di 24”05. Le migliori ticinesi sulle prove corte sono state Carlotta Ulmer (UNITAS) 12”73 e Daniela Claudia Mattiello (SAL) 26”21.
Le gare di mezzofondo femminile sono state molto entusiasmanti: sugli 800m e sui 3000m si è assistito a delle belle sfide agonistiche. Ombretta Bongiovanni si è aggiudicata il doppio giro di pista con l’ottimo tempo di 2’09”94, lanciata nei primi 400m da una grintosa Karin Colombini (GAB Bellinzona) che ha concluso la sua fatica in 2’12”36. Nei 3000m, vinti dalla giovane Nicole Reina in 9’42”35, era in palio anche il titolo cantonale. Manuela Maffongelli (VIGOR Ligornetto) impostando una gara molto regolare si è messa l’oro al collo con il promettente crono di 10”13”03. Completano il podio Jeannette Bragagnolo (SAB Bellinzona) e Stefania Lupatini (VIS Nova) con i primati personali di 10’31”16 e 10’31”52.
In campo maschile, il mezzofondo ha regalato le gare con i migliori risultati tecnici della serata: gli 800m sono stati vinti in 1’47”29 dal senegalese Seck Mor, seguito in 1’47”89 dal keniano Geoffrey Kibet. Grandissima la gara dei 3000m combattuta da Abdellah Haidane (7’56”45) e Jamel Chatbi (8’06”30) che hanno realizzato due crono di assoluto valore internazionale. I migliori ticinesi sono stati Alex Lunghi (GAB) sugli 800m con 1’56”67 e Adriano Engelhardt (USA), che ha fermato il cronometro a 8’19”79, miglior tempo svizzero tra gli U23 del 2012.
Nelle gare di velocità si sono evidenziati degli atleti ticinesi: Stefano Croci (Atl. Mendrisiotto) si è aggiudicato i 100m con 10”95, seguito da Mirko Berri (VIRTUS), terzo in 11”07. Sui 200m Daniele Angelella (VIRTUS) ha potuto approfittare della scia del nazionale Isalbet Juarez (21’54), stabilendo il proprio primato personale in 21”83.
Dalla pedana dei salti sono da segnalare l’ottima prestazione di 16.16m del triplista italiano Fabrizio Schembri, finalista ai Campionati europei di Helsinki, e la vittoria nel salto in lungo di Gregory Bianchi (SFG Chiasso), al rientro da un infortunio, con la misura di 7.13m.
Nel lancio del giavellotto i migliori ticinesi sono stati Martina Maroni-Mariotti (ASSPO) con 26,25m e Claudio Colombi (USA Ascona) con 44,70m.